Il Carro di Fontanarosa.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
   Ogni anno, il 14 agosto, si assiste alla tirata da parte degli abitanti di Fontanarosa (Avellino) del Carro che sfila per le contrade del paese.
Tutti gli abitanti di Fontanarosa partecipano alla costruzione del Carro , un obelisco di paglia alto circa 28 metri poggiante su un grosso carro agricolo a due ruote, tirato da due coppie di buoi e da tutta la popolazione con delle funi. L’origine di questa tradizione risale a circa due secoli fa, quando le popolazioni rurali erano solite offrire alle divinità della terra le primizie del loro raccolto. Col passaggio dal culto pagano a quello cristiano, il rito propiziatorio dell’offerta si mutò in atto di ringraziamento per il buon raccolto.
Momento carico di folklore e spiritualità, esso precede il Ferragosto e si riallaccia alla secolare tradizione degli antichi riti di ringraziamento per la mietitura. Simbolo di fede e devozione, occasione di unità popolare, oltre che evento di attrazione, il grande Carro è un’opera d’arte di inestimabile valore, che esalta l’ingegno dell’Uomo e la semplicità della spiga di grano, la cui forma è facile riscontrare nella struttura architettonica dell’obelisco sulla cui estremità svetta la statua della Madonna della Misericordia.


 Please don’t use this image on websites, blogs or other media without the explicit permission of Vito Nicoletta ©2016-18.
Setting ‘public’ does not give license to use.
All rights reserved.