La ‘Ndocciata di Agnone.

.

.

.

.

flag_ita   L’origine della ‘ndocciata, risale probabilmente all’anno Mille. Questa antica festa della luce, di origine pagana, si è trasformata in festa della luce del Natale cristiano, ossia in una delle tante sopravvivenze dei fuochi solstiziali che la Chiesa ha inglobato nel proprio rituale non trovandoli in contrasto con la sua teologia, una volta sostituita la simbologia della nascita del “Sole invitto” con quella di Cristo “Sole di Giustizia” che allontana il male. Al di là della sua spettacolarità, quella di Agnone è una festa tradizionale, permeata di religiosità popolare, che è rimasta sostanzialmente invariata malgrado il disfacimento della società agricolo-pastorale che l’aveva prodotta. In passato, mentre la ‘ndoccia bruciava, si traevano auspici: se avesse soffiato il vento del nord, l’anno sarebbe stato buono, se a soffiare fosse stato quello del sud, al contrario, l’anno sarebbe stato cattivo.

flag_eng   The origin of the ‘Ndocciata, probably dates back to the year one thousand. This ancient festival of light, of pagan origin, became the Christian feast of Christmas light, ie in one of the many survivals of the solstice fires that the Church has incorporated in its ritual not finding them at odds with his theology, once replaced the symbolism of the birth of the “Sol Invictus” with that of Christ “Sun of Justice” that drives away evil. Beyond its spectacle, that of Agnone is a traditional festival, steeped in popular religiosity, which has remained largely unchanged despite the breakup of agricultural and pastoral society that had produced. In the past, while the ‘ndoccia burned, they drew omens: if he had blown the north wind, the year would be good, if to blow it was to the south, on the contrary, the year would have been bad.


 

Please don’t use this image on websites, blogs or other media without the explicit permission of Vito Nicoletta ©2016-17.
Setting ‘public’ does not give license to use.
All rights reserved.